Inizio pagina

Oggi sono stata con gli amici di Sport 2.0 a vedere i Campionati Italiani Assoluti di Tuffi alla Piscina Monumentale a Torino: non avevo mai visto una gara di tuffi dal vivo e la differenza con la televisione è strabiliante. L’atmosfera è elettrica ed è molto emozionante vedere questi atleti tuffarsi dal trampolino e dalla piattaforma (è alta 10 metri!!) e pensare che trascorrono ore ed ore ad allenarsi per poi essere giudicati in pochi istanti.

NAN_1314bDopo la gara, sulle scale della Monumentale, ho avuto il piacere di scambiare due chiacchiere con Maria Marconi, fresca vincitrice del titolo Italiano. Maria mi ha detto che per lei è stata una gara entusiasmante, era stra-felice di aver portato a casa tre ori (trampolino 1 metro, sincro 3 metri e trampolino 3 metri) ma molto stanca a causa dell’intensità della gara, sia a livello fisico che  mentale. E, come se non bastasse, l’aspettava ancora un lungo viaggio di ritorno a casa, a Roma.

A pensarci bene… emozione sì, ma quanta tensione! La vita dello sportivo non è così semplice come sembra!

Parlando con Maria, ho scoperto che per combattere questi momenti di intenso stress gli atleti professionisti, non solo si concedono uno o più momenti di relax dedicati a loro durante la giornata, ma inseriscono anche nella loro alimentazione cibi con proprietà particolari.

Infatti, lo stress della gara degli atleti professionisti lo ritroviamo anche negli sportivi amatoriali e nella vita di tutti i giorni. Per questo è importante lavorare bene con l’alimentazione e l’idratazione nelle 4 fasi fondamentali dello sportivo (l’operazione 4R) e quindi mangiare più frutta e grandi quantità di verdura di stagione con proprietà antiossidanti – che prevengono l’invecchiamento.

Oltre a dare equilibrio al corpo, è bene rilassare anche la mente, mens sana in corpore sano. E’ importante cercare, dopo una situazione di intensa concentrazione, di riequilibrare le energie con un momento dedicato a se stessi. Con me, ad esempio, basta e funziona una bella doccia o un bel bagno caldo, soprattutto la sera, con un bagnoschiuma all’aloe o alla rosa e una bella musica di sottofondo.

Quando faccio sport invece, dopo la doccia, mi spalmo sui muscoli indolenziti dell’aloe gel rinfrescante – un vero toccasana.

Non pensavo che una gara di tuffi potesse essere così emozionante e che atleti del calibro di Maria fossero così gentili, disponibili ed umili. Non vedo l’ora di partecipare al prossimo evento sportivo!

Vuoi scrivere un commento?

Vai ai commenti ...

...scrivi un commento

Ancora nessun commento

Lascia un commento




(*) = campi necessari per inviare il commento