Inizio pagina

Uno degli aromi più comuni ed utilizzati molto in cucina con grandi proprietà antiossidanti quindi che previene l’invecchiamento delle cellule e dà un buon gusto alla vostra carne e pesce è il rosmarino.

Ho approfittato di queste prima giornate di primavera per “polverizzare” il rosmarino in casa in modo molto semplice partendo da qualche rametto perché ho la fortuna di avere il mio rosmarino nell’orto e per risparmiare un po’.

Rosmarino 1Per prima cosa, potete far crescere il rosmarino in vaso sul vostro balcone comprato al mercato oppure nel vostro orto, potate la pianta di rosmarino, mettete un foglio di giornale sotto così da non disperdere le foglie che cadranno, e portate in casa i vari rametti.

Prendete un vassoio da pasticceria o un cestino e copritelo con della carta da forno.

Girando a testa in giù il rametto, passate le dita lungo il tronchetto in modo da staccare tutte le foglie.
Fate così con tutti i rametti che avete tagliato. Se avete appena finito di fare la manicure, vi consiglio di usare i guanti. :-)

Successivamente, setacciate per foglie usando anche il semplice colapasta e poi disponetele, allargandole, sul vassoio.
Rosmarino 2Prendete il vassoio e ponetelo davanti ad una finestra in pieno sole o, se lo mettete fuori sul balcone, mettete una campana di vetro per proteggerlo da uccelli e vento.

Che profumo che si sente per la cucina… è buonissimo!!!

Dopo qualche giorno, in base alla temperatura e a quanto sole c’è, sentite se le foglie sono diventate secche.
Io l’ho messo davanti alla finestra 10 giorni fa, con 2 giorni di nuvole e pioggia ed ora è pronto.

A questo punto, usate un tritatutto per frantumare il rosmarino e riponete la polvere ottenuta in un barattolo di vetro possibilmente scuro. Tenetelo comunque al buio e utilizzatelo all’occorrenza.

Avrete così ottenuto un fantastico aroma da utilizzare in cucina a km zero, bassissimo costo, e totalmente salutare per dare gusto a carne, pesce, verdure.

E ora… buona cucina a tutti!!

Vuoi scrivere un commento?

Vai ai commenti ...

...scrivi un commento

Ancora nessun commento

Lascia un commento




(*) = campi necessari per inviare il commento