Inizio pagina

Vivere a fianco degli atleti e seguirli da vicino durante le loro competizioni è sempre una grande emozione: lo scorso weekend, nel bellissimo Centro Federale F.I.G.S. di Riccione, sono stata alla tappa finale del Campionato Italiano Assoluto a squadre di squash dove, oltre a vedere delle bellissime partite, ho tifato per il Crazy Team Torino – squadra campione in carica che, purtroppo, quest’anno ha ceduto in finale contro Catania.

Nelle pause di gioco, ovviamente, ne ho approfittato per fare qualche domanda ai giocatori e per capire come si alimentano i professionisti di livello mondiale come loro e quali sono le tattiche nutrizionali che seguono – prima che scappassero per andare a Dubai dove sono impegnati nelle Finali delle World Series 2016.

CastagnetMathieu Castagnet – FRA (# 6 Ranking Mondiale PSA)
Come tutti i francesi, Mathieu ci tiene molto al suo fisico ed è il più “rigido” fra tutti. Il punto per lui più importante è l’idratazione: beve acqua con vitamine e zuccheri per poter performare al meglio e soprattutto quando viaggia molto, è attendo alla disidratazione da aereo e alle diverse temperature che può incontrare. Quando i match sono molto lunghi ed intensi, entro la mezz’ora successiva al match integra con latte e cioccolato perché il latte ha molte proteine all’interno – così recupera più velocemente.

PilleyCameron Pilley – AUS (# 13)
Cameron prima usava integratori nell’acqua, ora preferisce bere solo acqua. Solo in casi estremi utilizza bevande sportive o gel. Mangia sicuramente carboidrati come riso o pasta 3 o 4 ore prima dei match (oppure la cena del giorno prima) ma anche pollo e tacchino.

WillstropJames Willstrop – ENG (# 20)
James è diventato vegetariano 7 anni fa e adora mangiare verdure fresche e molte cose diverse. Oltre ad essere un gigante dello squash sia come presenza fisica, sia come professionista, per lui la nutrizione è di fondamentale importanza. “Bisogna avere la giusta idratazione, mangiare le giuste cose per recuperare i muscoli e tanti carboidrati perché si consuma molta energia e tantissima frutta e verdura per avere il sistema immunitario sempre al top” – mi ha detto. Per lui mangiare è un vero piacere e non ha un vero cibo preferito o un menù specifico; ama avere equilibrio potendo scegliere in base a quello che trova e a quello di cui ha voglia. “Se il cibo funziona per te, allora perfetto. Meno è lavorato, meglio è. Light, digestible and easy è il mio motto. Zero regole”.

SelbyDaryl Selby – ENG (# 21)
Mangia 3 ore prima di giocare della pasta o del riso per rendere la digestione veloce, oppure porrige (la zuppa d’avena) a colazione – e per lui è importante mangiare subito dopo che finisce un incontro.Tiene sempre con se la bottiglia di acqua, soprattutto quando è nervoso. Suggerisce di mangiare vario ma di tenere lontano i junk food e imparare a cucinare cibi semplici. Sovente  perchè sempre più veloce perchè non si ha voglia di cucinare, ma cucinare è veloce, non serve fare cose particolari, basta del cibo semplice.

RichardsTom Richards – ENG (# 25)
Anche per lui, da buon inglese, non può mancare il porridge a colazione. Quindi quando viaggia se lo porta nella valigia così è sicuro di dare al suo corpo quello che necessita anche in paesi non anglosassoni. Basa la sua dieta principalmente su frutta, verdura, niente carne rossa e latticini. La parte grassa la prende dal pesce (salmone, tonno) e frutta secca.

anjemaLaurens Jan Anjema – NED (# 44)
Il Robot – così lo chiamano per la sua resistenza in campo, inizia l’intervista condividendo con me un video divertente che ha girato con Ashour dove mangiano donuts giustificandosi sul fatto che erano scesi gli zuccheri e quindi bisognava integrarli. Ci soffermiamo sul discorso reintegro – importantissimo nello squash: proteine con qualche carboidrato tipo panino con prosciutto crudo o tonno e poi birra (sì… birra!). Per lui è di fondamentale importanza la parte sociale verso il cibo: adora mangiare con gli amici e colleghi perché mangiando si nutre il fisico ma in compagnia si nutre la mente. Tre ore prima di giocare mangia un piatto composto da metà verdura, un quarto carboidrati tipo pasta e un quarto di proteine tipo tacchino. Usa molti integratori di vitamine, spirulina, vitamina D e magnesio.

FinitsisSteven Finitsis – AUS (# 91)
Con Steve è stato un incontro ricco di emozioni perché aveva appena annunciato di aver giocato l’ultima partita da professionista. Ora tornerà in Australia e i suoi consigli andranno ai giovani atleti che allenerà a diventare grandi campioni di squash come lui: per Steve è molto importante idratarsi bene già da prima e normalmente compra il cibo nei supermercati quando arriva nei vari paesi. Mangia di tutto e non ama le restrizioni.

Tra le cose che ho notato in comune a tutti i campioni intervistati, spicca il fatto che hanno testato su di loro quale cibo funziona meglio e quale no: non fanno nessuna dieta ma cercano equilibrio nella loro alimentazione sacrificando il meno possibile.

Ultima curiosità: l’energetico più utilizzato dai campioni di squash? Il caffè! Prima dei match tutti quanti ne bevono uno per essere reattivi al massimo!

Vuoi scrivere un commento?

Vai ai commenti ...

...scrivi un commento

Ancora nessun commento

Lascia un commento




(*) = campi necessari per inviare il commento